Italiano

VITA, MORTE O FANATISMO?

Michele Gesualdi, ex Presidente della provincia di Firenze, è malato di SLA.

Le conseguenze di questa malattia sono descritte come  la perdita progressiva e irreversibile della normale capacità di deglutizione dell’articolazione della parola e del controllo dei musscoli scheletrici, con  paralisi che può giungere fino alla compromissione dei muscoli respiratori.

Gesualdi  ha scritto una lettera ai Presidenti di Camera e Senato. Ha invocato in maniera commovente, una rapida approvazione della legge sul trattamento biologico.

Ha scritto testualmente:” Oggi vi scrivo per implorarvi di accelerare l’approvazione della legge sul testamento biologico, con la dichiarazione anticipata di volontà del malato, perché da tre anni sono stato colpito dalla malattia degenerativa SLA e alcuni sintomi mi dicono che il passaggio al mondo sconosciuto potrebbe non essere lontano”.

Risale alla proposta di legge 1142  intitolata “Norme in materia di consenso informato e di dichiarazioni di volontà anticipate nei trattamenti sanitari al fine di evitare l’accanimento terapeutico”, l’iter parlamentare del testamento biologico.

In sostanza la proposta di legge in questione, in caso di approvazione, consentirebbe a tutti i maggiorenni di poter rinunciare a trattamenti di accanimento terapeutico ed in particolare l’idratazione artificiale e la nutrizione artificiale.

L’articolo 3 della legge, prevede che “ogni persona maggiorenne, capace di intendere e volere, in previsione di una eventuale futura incapacità di autodeterminarsi, può, attraverso le Dat (dichiarazione anticipata di trattamento), esprimere le proprie convinzioni  nonché il consenso o il rifiuto rispetto a scelte diagnostiche o terapeutiche e a singoli trattamenti sanitari, comprese le pratiche di nutrizione e idratazione artificiali“.

La legge è ferma al Senato ingolfata da emendamenti e resistenze varie, sono stati presentati circa 3000 emendamenti. In un paese come il nostro non c’è dubbio che fortissima è l’influenza della religione cattolica. Siamo la Sede del Vaticano,la tradizione cristiana è fortissima. La sofferenza, come si sa è  esaltata dalla religione cattolica. Eppure Michele Gesualdi è un cattolico convinto,è stato allievo di Don Milani, ha nella sua lettera, in sostanza sostenuto che il concetto della sopravvivenza a tutti i costi rappresenta un accanimento contro Dio.  La Camera ha approvato il testo con 326 voti favorevoli, 37 contrari e solo 4 astenuti. Segno di una cospicua maggioranza.

C’è però da riflettere sul fatto che la Camera è composta da 630 Deputati, dov’erano tutti gli altri? La normativa approvata alla Camera  "tutela il diritto alla vita, alla salute, ma anche il diritto alla dignità e all'autodeterminazione" e dispone che "nessun trattamento sanitario può essere iniziato o proseguito se privo del consenso libero e informato della persona interessata".

In un’intervista il Sig. De Carli, del Popolo della Famiglia, ha  illustrato  il senso degli  gli emendamenti scritti insieme dai Giuristi per la Vita e presentati alla Camera per sbarrare la strada al testamento biologico ed ha affermato tra l’altro che la legge sul testamento biologico “è una legge che farà danni enormi al Paese: basta vedere l’effetto di leggi simili nel Nord Europa”.

Non ha però spiegato quali siano questi danni enormi. Per fortuna sono riusciti, gli emendamenti, solo a rallentare l’iter di approvazione alla Camera.

Ma come già detto, altri 3000 emendamenti sono stati presentati al Senato. Il martirio di Piergiorgio Welby ,di  Eluana Englaro,  di Dj Fabo, di Fabiano Antoniano costretto a recarsi in Svizzera per il suicidio assistito, non sono serviti a nulla se la legge è bloccata da sette mesi al Senato. “Non fare agli altri quello che non vorresti fosse fatto a te stesso diceva Gesù Cristo”. Ho visto negli occhi della mia amata madre, malata gravemente per dieci anni, l’implorazione di non voler più soffrire. Tanti fanatici religiosi o politici, si passino una mano sulla coscienza, mettano da parte i biechi interessi di parte ed i fanatismi pseudoreligiosi, facciano la loro parte di rappresentanti del popolo e non di loro stessi  e facciano approvare la legge . Gran parte dell’opinione pubblica li ringrazierà.

Carlo Visconti

VITA, MORTE O FANATISMO?